Category Archives: Senza categoria

Servizi strettamente connessi alla residenza

pdc e caldaie

INSTALLAZIONE DI POMPE DI CALORE E CALDAIE A GAS

Autorizzazione pdc

Il cittadino che intende installare un impianto con pompa di calore e/o una caldaia a gas deve predisporre apposita comunicazione di inizio lavori.

Le norme e i requisiti da  rispettare sono quelli previsti dal Regolamento Edilizio Comunale e dalla normativa vigente.

La modulistica e la documentazione da allegare alla richiesta di autorizzazione varia a seconda del Comune di riferimento.

Per ridurre l’impatto visivo dell’impianto è consigliabile installare le pompe di calore:

  • sul pavimento dei balconi, in modo che siano mascherate dai parapetti;

  • su prospetto principale mascherate con griglie dello stesso colore della facciata o con l’utilizzo di altri accorgimenti allo scopo di limitarne l’impatto visivo;

  • su prospetto interno, non prospiciente alla strada.

 

Per lo scarico dei fumi della caldaia a gas si ricorda che dal 1 settembre 2013, ai sensi della Legge n. 90/2013, è permesso solo lo scarico a tetto. In particolare, l'art. 17-bis "Requisiti degli impianti termici", al comma 9 stabilisce che: "gli impianti termici installati successivamente al 31 agosto 2013 devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente”.

Pronto Ingegnere predispone la pratica edilizia in tempi brevi e con costi certi e contenuti.

Per un preventivo gratuito clicca qui.

 

tende

INSTALLAZIONE DI TENDE

Autorizzazione tenda

Il cittadino che intende installare o sostituire una tenda fissa o mobile deve richiedere apposita autorizzazione.

Le norme e i requisiti da rispettare sono quelli previsti dal Regolamento Edilizio Comunale e dalle disposizioni del Codice della strada.

La modulistica e la documentazione da allegare alla richiesta di autorizzazione varia a seconda del Comune di riferimento.

Chi intende installare una tenda con scritta pubblicitaria è soggetto al pagamento dell'imposta di pubblicità.

Pronto Ingegnere predispone la pratica edilizia in tempi brevi e con costi certi e contenuti.

Per un preventivo gratuito clicca qui.

Installazione di insegne

INSTALLAZIONE DI INSEGNE

Autorizzazione insegna

UTENTE PRIVATO

Il cittadino che intende installare o rinnovare l'esposizione di insegne o altri mezzi pubblicitari deve richiedere apposita autorizzazione edilizia.

Le norme e i requisiti da rispettare sono  quelli previsti nel Regolamento Edilizio Comunale.

La modulistica, la validità e la documentazione da allegare alla richiesta di autorizzazione varia a seconda del Comune di riferimento.

 

TITOLARE DI ATTIVITA’ PRODUTTIVA

Il rappresentante o titolare di qualsiasi attività produttiva che intende effettuare l'installazione di insegne o cartelli pubblicitari di qualsiasi tipo (striscioni, stendardi, cartelli, insegne, teli pittorici, vetrine, paline, orologi, ecc.) nel territorio sardo deve presentare una DUAAP al Comune di competenza, ai sensi dell'art. 1, comma 21, della L.R. n. 3 del 05/03/2008.

La DUAAP dovrà essere corredata:

  • dalla dichiarazione di conformità dell'insegna alle norme ed ai regolamenti vigenti, da redigersi a cura di un tecnico abilitato munito di idonea polizza per la responsabilità professionale, sul modello A16;

  • dagli elaborati grafici che indichino chiaramente l'immagine, i caratteri e le dimensioni riportati all'interno dell'insegna, targa, o di qualunque altro supporto contenente il messaggio pubblicitario;

  • da un estratto della mappa catastale e del PUC contenenti l'individuazione del punto di installazione.

Il procedimento, salvo non vi siano aspetti particolari rientranti nella previsione di cui al comma 24 della LR 3/2008, è in immediato avvio.

Poiché l’installazione di una insegna rientra pienamente nella categoria delle opere edili, sarà necessario comunicare (attraverso piattaforma SUAP) sia l’inizio dei lavori che la loro ultimazione.

Nel caso di insegne o cartelli da installare su area pubblica, la relativa concessione deve essere acquisita prima della presentazione della DUAAP o della richiesta di autorizzazione. Chi intende installare un'insegna è soggetto al pagamento del relativo canone (se dovuto per oggetto su suolo pubblico) e dell'imposta di pubblicità.

Pronto Ingegnere predispone la pratica edilizia in tempi brevi e con costi certi e contenuti.

Per un preventivo gratuito clicca qui.

verifiche urbanistiche

 RICERCHE E VERIFICHE URBANISTICHE

 

Prima di acquistare un immobile è necessario verificare la congruità edilizia ed urbanistica del bene. Nell’atto di acquisto è obbligatorio indicare, pena la nullità dell’atto, gli estremi dell’Autorizzazione/Concessione Edilizia e del Certificato di Agibilità, oltre a una dichiarazione sulla regolarità costruttiva delle opere.

Tuttavia queste informazioni non danno concrete indicazioni sulla reale corrispondenza tra la planimetria del progetto approvato e lo stato di fatto dell’immobile, né garantisce l’assenza di opere realizzate abusivamente.

Una corretta indagine, eseguita da un tecnico esperto, prevede un sopralluogo nell’immobile per la constatazione dello stato di fatto, l’acquisizione presso i pubblici uffici di tutta la documentazione depositata agli atti e l’accertamento della rispondenza tra stato di fatto e documentazione approvata. Rilevare per tempo le irregolarità e i vizi presenti tutela sia il compratore che il venditore dell’immobile.

Per un preventivo gratuito o ulteriori informazioni non esitate a contattarci.

 

verifiche catastali

RICERCHE E VERIFICHE CATASTALI

 

Attraverso le visure e le planimetrie catastali (accessibili solo mediante delega del proprietario) è possibile controllare la descrizione dell'immobile e dei suoi accessori (cantina, garage, posto auto, etc..), nonchè verificare che lo stesso sia intestato al venditore o se questi lo possiede in comunione o in comproprietà. Inoltre è possibile verificare la rendita catastale dell'immobile.

Per i proprietari che si apprestano a vendere il proprio immobile esiste l’obbligo di regolarizzare i dati catastali che dovranno essere indicati nei rogiti per le compravendite.

Gli atti pubblici aventi ad oggetto il trasferimento, la costituzione o lo scioglimento di comunione di diritti reali su fabbricati già esistenti devono contenere, a pena di nullità, oltre all'identificazione catastale, il riferimento alle planimetrie depositate in catasto e la dichiarazione della conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie.

Se un immobile non è, allo stato di fatto, corrispondente alle schede catastali (la planimetria catastale deve riportare fedelmente il "disegno" della casa come è in realtà) lo stesso immobile non si può vendere (l’atto sarebbe nullo). Inoltre i dati catastali devono essere esattamente intestati alla proprietà dell’immobile.

Per un preventivo gratuito o ulteriori informazioni non esitate a contattarci.

 

VERIFICHE NOTARILI E IPOTECARIE

RICERCHE E VERIFICHE NOTARILI E IPOTECARIE

 

La prima cosa da fare prima di acquistare un immobile, al fine di non incorrere nel rischio che un terzo possa impugnare l’atto di compravendita, è quella di accertare la presenza di eventuali gravami di natura volontaria (ad esempio i mutui), di natura pregiudizievole (ad esempio le ipoteche legali, giudiziali e i pignoramenti), o l’esistenza di eventuali diritti passivi di terzi (servitù, obblighi, convenzioni).

L’accertamento consiste nell’ispezione ipotecaria nella quale sono riportati sia i passaggi di proprietà sia i gravami registrati nell'arco di un ventennio.

Le visure ipotecarie contengono i dati anagrafici del proprietario, l’ubicazione e i dati catastali, l’atto di provenienza in forza del quale il nominativo risulta proprietario del bene immobile, il regime e la quota di proprietà, le ipoteche o pregiudizievoli che gravano sul bene immobile.

Il team di Pronto Ingegnere può verificare in breve tempo queste informazioni e può fornirvi in tempo reale la visura ipotecaria.

Per ulteriori informazioni o un preventivo gratuito potete contattarci telefonicamente, venire allo Sportello in Via Sonnino n. 70 a Cagliari o cliccare qui.

VERIFICHE PREVENTIVE ALL’ACQUISTO DI UN IMMOBILE

 

VERIFICHE PREVENTIVE ALL’ACQUISTO DI UN IMMOBILE

 

compravenditaPrima dell’acquisto di un immobile (ovvero prima della firma del contratto) è consigliabile che l’acquirente effettui tutte le verifiche utili a mettere in luce eventuali vizi di natura notarile, edilizia, catastale, tecnico-amministrativo che potrebbero compromettere in futuro il pieno godimento della proprietà.

Pronto Ingegnere si occupa di effettuare queste verifiche per conto dell’acquirente, in particolare effettua:

  • Ricerche e verifiche notarili e ipotecarie. Infatti è necessario che la continuità storica della proprietà sia verificata per almeno il ventennio precedente, e che non ci siano gravami ipotecari sull’immobile.

  • Ricerche e verifiche catastali. La normativa attuale prescrive che ci sia piena e precisa rispondenza tra stato di fatto e planimetria catastale.

  • Ricerche e verifiche urbanistiche. Per gli immobili costruiti dopo il 1967 vi è l’obbligo da parte del venditore di allegare all’atto il certificato di agibilità. E’ comunque importante, anche in presenza dell’agibilità, accertare la corrispondenza tra il progetto approvato depositato in Comune e lo stato di fatto, per verificare che non vi siano difformità che possano configurare situazioni di difformità edilizia.

È consigliabile che l’acquirente, prima dell’acquisto dell’immobile, non si limiti alle sole valutazioni estetiche, ma che si ricordi di verificare lo stato di manutenzione delle parti edilizie (muri, pavimenti, serramenti), nonchè l’efficienza e l’idoneità degli impianti tecnologici (elettrico, termico, gas domestico, idrosanitari, scarichi), siano essi centralizzati od autonomi. Oltre alla verifica del funzionamento degli impianti, sarebbe opportuno accertarsi che essi rispondano alle regole di sicurezza e siano oggetto di manutenzione periodica (sarebbe bene farsi consegnare copia del libretto d’uso e manutenzione degli impianti o della centrale termica in modo da verificare i controlli periodici effettuati).

Per quanto riguarda gli impianti elettrico, radiotelevisivo, di riscaldamento e/o climatizzazione, idrico, sanitario, del gas, di sollevamento persone, antincendio, di apertura cancelli, etc., la normativa prevede obblighi di certificazione per quelli installati dopo il 27/3/2008, con emissione di un progetto dell’impianto e di una dichiarazione di conformità (emessi dall'installatore ai sensi del DM 37/2008).

Per gli impianti realizzati tra il 1990 e il 2008, l'obbligo di certificazione vige solo se previsto dalla legge in vigore in quel periodo (legge 46/90 inerente in special modo gli impianti elettrici ed elettronici). Per questi impianti, se manca documentazione, è possibile farsi rilasciare (previa verifica tecnica) una dichiarazione di rispondenza, ai sensi del DM 37/2008, che sostituisce in tutto quella di conformità.

Se l'impianto elettrico è precedente al 1990 bisogna verificare almeno la presenza di un interruttore salvavita ed accertarsi che i cavi e le prese a spina siano protetti contro i contatti diretti.

Nonostante non ci sia l’obbligo da parte del venditore di allegare suddetta documentazione al contratto di compravendita, è opportuno che l’acquirente ne prenda visione o si faccia consegnare una copia dall’attuale proprietario.

Per quanto riguarda l'impianto del gas domestico, è necessario accertare l'esistenza della ventilazione necessaria nei locali interessati, l'integrità e l'idoneità di raccordi flessibili e delle fascette stringitubo, provvedendo a sostituire quanto necessario.

Per quanto riguarda la canna fumaria sarebbe opportuno verificare che non sia intasata o deteriorata.

Tutte le ricerche, i controlli e le verifiche potranno essere effettuate da Pronto Ingegnere.

Per un preventivo gratuito non esitate a contattarci!

 

Articoli correlati: Assistenza alla compravendita di un immobile

 

 

 

 

 

 

Installazione tende, insegne, ecc…

AUTORIZZAZIONE EDILIZIA PER L’INSTALLAZIONE DI

INSEGNE, TENDE, POMPE DI CALORE, ECC.

 

Ogni opera, anche accessoria, che modifica le facciate o le parti esterne dell’edificio deve essere regolarmente denunciata all’Amministrazione Comunale.

A seconda della tipologia di opere e della presenza o meno di vincoli (paesaggistici, storici, idrogeologici, etc…) la pratica edilizia può essere di tipo più semplice (come nei casi di semplice Comunicazione di inizio lavori) oppure più complessa (D.I.A., Autorizzazione o Concessione Edilizia).

Nello specifico di opere semplici e accessorie, Pronto Ingegnere si occupa della predisposizione della documentazione necessaria per la richiesta di autorizzazione edilizia o comunicazione di inizio lavori per:

 

Ogni Comune fornisce la modulistica di riferimento in cui sono indicati i documenti tecnici e amministrativi da allegare alla richiesta.

Nel caso di richiesta da parte di cittadini privati essa verrà inoltrata direttamente all’ufficio tecnico comunale, mentre in caso di richiesta da parte di imprese o attività produttive essa verrà inoltrata attraverso il S.U.A.P.

 

Pronto Ingegnere predispone la pratica edilizia in tempi brevi e con costi certi e contenuti.

Per un preventivo gratuito clicca qui.

Le perizie tecniche di parte

LE PERIZIE TECNICHE DI PARTE

 

ctuCosa è la perizia tecnica di parte?

La Perizia Tecnica di Parte è una relazione tecnica eseguita da un professionista esperto, che ha come fine quello di tutelare, all’interno di un processo civile, una parte in causa, nell’ambito di una Consulenza Tecnica d’Ufficio. Infatti, quando il Giudice del tribunale competente nomina un Consulente Tecnico d’Ufficio (C.T.U.), automaticamente concede alle parti in causa (attori e convenuti), la facoltà di nominare un proprio consulente tecnico (appunto di parte).

In particolare il consulente di parte ha il compito di affiancare il C.T.U nel corso delle operazioni peritali e di fornire ogni tipo di supporto e informazione allo scopo di raggiungere la verità.

 

A chi serve?

Spetta al privato in veste di attore o di convenuto nella causa giudiziaria, la scelta di avvalersi o meno del Perito di Parte.

Le funzioni del perito di parte sono volte alla tutela del cliente. Egli prende infatti parte a tutte le operazioni compiute dal CTU, partecipa alle udienze e fornisce chiarimenti utili alla stesura della perizia e svolge le proprie osservazioni sui risultati delle indagini tecniche.

 

Chi la redige?

Non sempre l’incarico di Consulente di Parte prevede la redazione di una perizia tecnica. Il CTP ha infatti la facoltà di presentare una propria relazione tecnica o in alternativa far inserire nella relazione del C.T.U. le osservazioni in merito alla causa per la quale è stato nominato.

Le consulenze tecniche di parte hanno valore di difesa tecnica della parte in causa e rappresentano uno strumento di controllo dell’affidabilità della consulenza d’ufficio.

 

I professionisti di Pronto Ingegnere, hanno lunga esperienza nel campo delle perizie tecniche nel settore civile su vizi edilizi e urbanistici, vizi su opere, divisioni ereditarie, danni e sono in grado di affiancarvi e garantirvi il proprio supporto con la massima professionalità.

 

Riferimenti normativi

Codice di Procedura Civile – Libro II, Titolo I, Capo II, Sezione III § 1(artt.191-201)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi