Novità edilizie della L.R. 8-2015

 

NOVITA' EDILIZIE DELLA L.R. 8/2015

 

La SCIA e l’edilizia libera

 

SciaLa nuova Legge Regionale n. 8/2015, entrata in vigore il 29 aprile 2015, introduce numerose novità nelle norme edilizie regionali. Infatti modifica profondamente una legge assai datata come la L.R. n. 23/1985 e trasforma integralmente la L.R. n. 4/2009.

In merito alla L.R. n. 23/1985 le novità più rilevanti riguardano il riordino delle procedure di ottenimento dei titoli edilizi, introducendo le procedure di:

  • Permesso di costruire

  • SCIA

  • Edilizia libera

 

SCIA

La SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività, già presente da tempo nella normativa nazionale) è una delle nuove procedure introdotta dalla nuova legge che fa maggiore ricorso al principio di surrogazione dei professionisti nei confronti della P.A. che, sempre di più, certificheranno la rispondenza dell’intervento proposto rispetto alla normativa vigente.

LA SCIA prevede interventi edilizi che potranno essere eseguiti sin da subito (a zero giorni) e interventi edilizi che potranno essere eseguiti dopo 45 giorni (ad esempio gli ampliamenti e gli incrementi volumetrici – Piano Casa – come previsti dalla stessa L.R. 8/2015). La segnalazione di inizio attività dovrà contenere tutte le autocertificazioni del proponente e del professionista necessarie a dimostrare la liceità dell’intervento. In questa categoria di interventi ricadono quelli più numerosi e di frequente utilizzo da parte dei cittadini, come le opere di manutenzione straordinaria (trasformazioni edilizie degli appartamenti, interventi di recupero delle facciate) o di miglioramento energetico, lavori che come è noto sono oggetto di trattamenti fiscali agevolati (detrazioni fiscali del 50% e 65% in 10 anni).

E’ importante sapere che la SCIA prevede (laddove necessario) la presentazione di un progetto e deve essere nominato un direttore dei lavori che vigili sulla bontà nella esecuzione delle opere.

 

Riguardo agli incrementi volumetrici, rispetto alla Legge Regionale n. 4/2009, sono consentiti degli ampliamenti più contenuti in quanto la legge prevede un limite volumetrico non solo in percentuale ma anche in valore assoluto (70 mc, 90 mc, 120 mc a seconda dei casi).

Se vuoi saperne di più approfondisci sul testo di legge.

 

EDILIZIA LIBERA

La nuova legge definisce in maniera abbastanza precisa anche gli interventi di edilizia libera per i quali è al più prevista una semplice comunicazione di inizio dei lavori (senza alcun altro documento allegato): interventi di manutenzione ordinaria; per l’eliminazione delle barriere architettoniche; per il posizionamento di tende e pergolati; per semplici recinzioni e barbecue, per pavimentazione e arredi di aree esterne, per vasche e pozzi, per muri e cancellate oltre ad altri.

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Legge Regionale n. 8/2015

Legge Regionale n. 4/2009 e successive modifiche e integrazioni

Legge Regionale n. 23/1985 e successive modifiche e integrazioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi